Tempo di lettura:1 Minuti

Cosa è possibile fare se il Fisco contesta il superbonus 110 per cento richiesto?

Un contribuente si è domandato se, nel caso si effettui un intervento agevolabile al 110% e l’amministrazione finanziaria in sede di controllo lo recuperi, è possibile riqualificare l’intervento nell’ambito della ristrutturazione edilizia con detrazione al 50% oppure nell’ambito del risparmio energetico con detrazione al 65%, in base alla tipologia di intervento realizzato.

L’Agenzia delle entrate è però stata chiara: nel caso in cui si effettui un intervento agevolabile al 110% ma l’amministrazione finanziaria non ammetta l’agevolazione in sede di controllo, non si ha diritto automaticamente allo sconto fiscale del 50%. Il contribuente potrà comunque rivolgersi al giudice per il recupero d’imposta, ma il risultato non è scontato.

In materia di detrazioni fiscali, il Fisco svolge principalmente un controllo di tipo documentale, stante quanto disposto all’articolo 36ter del Dpr 600/1973, e, se dalla documentazione pervenuta si dovesse riscontrare la mancanza dei presupposti dell’agevolazione scelta dal contribuente, questa viene recuperata come maggiore imposta dovuta.

Stando così le cose, anche qualora ne ricorrano le condizioni, l’Agenzia delle Entrate non è quindi titolata a convertire il regime agevolativo, per il quale il contribuente ha optato, automaticamente in un altro regime di minore impatto, e questo perché il Fisco non ha il potere di sostituirsi alla volontà espressa dai contribuenti in sede di dichiarazione dei redditi o tramite cessione del credito.

Il contribuente potrebbe comunque ritenere opportuno impugnare il recupero dell’imposta, prospettando, innanzitutto all’amministrazione finanziaria in sede di mediazione, e poi al giudice tributario in sede di contenzioso, delle valide ragioni per riqualificare la detrazione d’imposta a partire dall’anno di sostenimento delle spese.

In ogni caso, un’eventuale posizione contraria sostenuta in giudizio dell’amministrazione, avrebbe solide motivazioni e darebbe vita ad un contenzioso dall’esito estremamente incerto e sconveniente per il contribuente.

Avv. Francesca Micheli

Autore

Avv. Francesca Micheli

Francesca Micheli è avvocato del foro della Spezia. Esperta in diritto civile, della famiglia e delle successioni ha svolto negli anni numerosi corsi di formazione e convegni presso ordini professionali sia in aula che in modalità webinar, oltre a svolgere la libera professione nel proprio foro di appartenenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *